giovedì 11 ottobre 2007

Da Praga a Londra: giovani e politiche internazionali

Al dibattito sul partito democratico a cui ho partecipato di Lunedì a Praga, nella sede dei Socialdemocratici cechi, c'era una platea composta soprattutto da giovani, molto vivaci e interessati a ciò che si sta facendo. Guardano con speranza all'orizzonte del Partito Democratico e credono che esso possa portare un'ondata di positivi cambiamenti nella politica italiana.

A Praga c'è un'emigrazione particolare: ridotta in termini numerici, ma giovane, dinamica e in aumento, poiché qui arrivano molti giovani laureati e specializzati che lavorano nelle multinazionali che hanno fatto dell'Irlanda, della Repubblica Ceca e della Romania la propria base operativa. Giovani che molto spesso, per scelta, vanno a lavorare all'estero, muovendosi anche in due, tre stati diversi nel giro di pochi anni. Parlano più lingue, si conforntano con più culture, apprezzano la cucina indigena: e se è vero ciò che diceva Feuerbach, che l'uomo è ciò che mangia, questi giovani italiani non possono che essere l'essenza del multiculturalismo, i nuovi cittadini del mondo. Giovani molto e bene informati, sull'Italia e sul mondo appunto, con i quali lo spazio e l'orizzonte della discussione è stato soprattutto quello della politica estera dell'Italia, del suo ritrovato ruolo da protagonista sulla scene internazionale, grazie al lavoro dell'attuale Governo e del Ministro D'Alema. In quest'ottica ho sottolineato come, in un mondo globalizzato, nel quale le sfide si possono affrontare solo a livelli sovranazionali, il Partito Democratico dovrà avere proprio nella politica estera il fulcro principale dell'iniziativa politica, anche per risolvere le principali questioni di politica interna (non più considerabili solo tali) e i problemi del mondo del lavoro, del welfare e della sicurezza.

Anche a Londra, ieri sera, sempre per un dibattito sul PD, ho dialogato al King's College con una platea molto giovane, seppur per certi versi diversa da quella ceca. E dico dialogato perché non ho voluto fare il classico intervento-comizio elettorale prima del 14 ottobre. Ho preferito ascoltare gli interventi dei presenti, le loro critiche (che naturalmente non sono mancate), le loro proposte. Ne sono venute fuori circa due ore di discussione partecipata e di analisi critica. Al King's College studiano e insegnano molti giovani italiani che spesso fanno il paragone tra le opportunità che qui gli si offrono, solo sulla base dei meriti personali, con gli ostacoli e gli spazi stretti delle università italiane, nelle quali il merito non basta, gli stipendi da ricercatore sono miseri e le caste dei professori sono intoccabili. Anche in questo chiedono al Partito Democratico una svolta vera, una volta per tutte, che dia il segnale che le cose in Italia possono cambiare in meglio, che per avere un'opportunità basta solo avere le capacità e le competenze personali, anche se non si è parente, amico o protetto di nessuno, e che queste competenze possano essere valorizzate e pagate per ciò che realmente valgono.

Penso che il PD sarà rivoluzionario se riuscirà a fare tutto ciò e se saprà creare le condizioni per mettere in rete le varie e numerose intelligenze italiane sparse per il mondo (e che ormai là preferiscono rimanere), come l'ultimo, ma non ultimo, il recente premio Nobel per la medicina, Mario Capecchi, costretto a coltivare all'estero le proprie potenzialità e i propri studi sulle cellule embrionali, mentre in Italia dobbiamo tenerci Buttiglione e Giovanardi, unici Nobel al bigottismo e all'ottusità politico-culturale.

9 commenti:

alelondon ha detto...

londra mi manca e se fossi stata ancora la sarei venuta certamente. cmq condivido la voglia di normalità nelle carriere universitarie e negli stipendi. in italia c'è una vera casta impossibile da sclfire. forse anche per il pd?

Eugenio ha detto...

Ma non mi starai diventando troppo pessimista ultimamente?

elio ha detto...

Concordo con Eugenio, e aggiungo bisogna saper sperare ma anche partecipare
Saluti Elio

Eli ha detto...

ci siamo quasi!

poche ore....

Eugenio ha detto...

assolutamente si: partecipare, partecipare, partecipare. Diceva Gaber che la "libertà è partecipazione". Chi partecipa decide. E chi più ne ha più ne metta.

carla73s ha detto...

Abbiamo partecipato. eravamo in tanti. abbiamo vinto tutti.
eviva il grande partito democratico di gramsci, togliatti, longo, berlinguer, de gasperi, moro e veltroni

Eli ha detto...

Eugenio, se ti va e hai un pò di tempo, mi dici (su quel blog, sul mio o qui) cosa pensi di questo:

http://valeriopieroni.ilcannocchiale.it/post/1653223.html

Perchè sono ignorantissima a discuterne e ho bisogno del conforto di altre opinioni per formarmene una.
Thanks!

Eugenio ha detto...

@eli: mi pare davvero difficile pensare che il problema dell'Africa possano risolverlo "solo" gli africani. E mi pare pericoloso dire "basta aiuti". Così come mi pare assolutamente antistorico dire che il "colonialismo occidentale" non abbia una grande responsabilità in ciò che è successo e continua a succedere in Africa. Anche se non è l'unica causa.
Inoltre, non metterei nello stesso calderone le più diverse forme di impegno per l'Africa: i vip che adottano (caso Madonna) con le adozioni a distanza; la finta "benificenza interessata" che si risolve in affari di pochi con le missioni delle ong; i "festini alla moda" di qualche studente di college con l'impegno volontario, serio e vitale di migliaia di medici.
Insomma, cara Eli, la mia opinione è che in Africa (che è un puzzle diversissimo nell'arco del continente) occorra investire in termini politici a livello di comunità internazionale. Un impegno serio e determinato, che parta dalle numerose e articolate realtà locali e in grado di coinvolgere (quello si) gli africani. Ma INSIEME: la comunità internazionale, l'universo del volontariato e gli africani. INSIEME, lo ripeto. Da soli gli africani non potranno farcela mai: stiamo parlando di un malato grave e povero che, pur con tutta la forza di volontà, l'intelligenza che gli è propria, le materie prime di cui dispone, senza l'aiuto dei medici, della famiglia e degli amici, non può farcela.

Eli ha detto...

Grazie!