lunedì 16 marzo 2009

Dei provvedimenti gravi e delle piccole boutade

Il 9 ottobre scorso, in un Odg approvato dalla Commissione Esteri della Camera, l’on. Marco Zacchera chiedeva al Governo di rinviare le elezioni dei Comites e del CGIE perché “la situazione economica era difficile”, per cui, a suo parere, era meglio “votare l’anno successivo”. “I soldi risparmiati per le elezioni”, sosteneva ancora l’on. Zacchera, dovevano essere “girati ai fondi per le comunità italiane nel mondo”. Tale Odg, approvato dai soli esponenti della maggioranza, fu giudicato dai deputati del PD come “un atto gravissimo di rinuncia alla difesa degli interessi delle nostre comunità”. I Democratici aggiungevano, giustamente, che fa venire “i brividi leggere che quando i soldi sono pochi la prima cosa da fare è risparmiare sull’esercizio della democrazia”. Inoltre, i deputati del PD sottolineavano come in rapporto ai tagli di più di 140 milioni di euro operati dal Governo verso gli italiani all’estero e i 400 decurtati dal capitolo per la cooperazione, diventava “risibile la pretesa di metterci, come si suol dire, una pezza con i 7 milioni dei rinnovi elettorali”. Ma per l’on. Zacchera anche 7 milioni erano utili per gli italiani all’estero. E ci mancherebbe!

In virtù di questo ragionamento, però, oggi mi aspetterei un nuovo e vibrante Odg dell’on. Zacchera con il quale si chiede al Governo, sempre per esigenze di risparmio (soprattutto in tempi di grave crisi economica) e di investimento anche verso gli italiani all’estero, di accorpare le elezioni referendarie a quelle europee e amministrative nell’election day del prossimo 6-7 giugno. È stato infatti calcolato che se queste elezioni si svolgessero in giorni diversi lo Stato italiano dovrebbe spendere circa 460 milioni di euro in più rispetto a quanti ne spenderebbe se si votasse in un’unica tornata. Ma facciamo un po’ di conti.

Le elezioni dei Comites sarebbero costate allo Stato 7 milioni di euro. Il referendum (che in ogni caso si dovrà tenere) costerebbe 400 milioni di euro se fatto in un giorno diverso dal 6-7 giugno. Accorpando le consultazioni, invece, grazie all’Odg che l’on. Zacchera dovrebbe presentare in coerenza con le preoccupazioni già palesate in passato (Odg che anche i deputati del PD non potrebbero che sostenere), si potrebbero assicurare altre 65 tornate elettorali per i Comites con i soldi risparmiati in un solo giorno.
Se poi consideriamo che le elezioni per i Comites si svolgono una volta ogni 5 anni, ci assicureremmo la democrazia tra gli italiani all’estero per i prossimi 335 anni, cioè fino alle elezioni del 2344.
Tutto questo grazie a un semplice Odg. Caro Marco, posso sperare di leggere quanto prima di questa tua iniziativa?

9 commenti:

Sebastiano ha detto...

Questo odg non lo leggeremo mai
.ciao e grazie del lavoro che fai

Carla73s ha detto...

Noto con piacere che dopo un mese di assenza dal blog sei tornato con spirito...
A cosa lo dobbiamo?

Antonina Cascio ha detto...

Caro Eugenio :considerando il presente, che mi faceva sentire il mio un lavoro inutile verso i miei connazionali all'estero, il fatto di lasciare questa grossa eredità che sarà utilizzata fino al 2344 dai nostri descendenti, emigrati come mè, mi obbliga a risponderti che sarei la prima a votare tale opportuno quanto giusto Odg, anche presentato da Zacchera (dovrai scusarmi, ma l'Onorevole non ci và).
Speriamo un piccolo sussulto di coscienza¡ Ci sarà?.
Antonina Cascio.

Marco Fedi ha detto...

Bravo Eugenio! La democrazia ha dei costi ma quando puoi risparmiare senza comprometterla credo sia giusto e sacrosanto farlo, sempre, ma ancor più in tempi di crisi.

Eugenio Marino ha detto...

@Cara: e naturalmente anche tu ti sei fatta ritrovare piena di spirito. Soprattutto ho letto la tua mail... No comment?

@Antonina: la mia era solo una boutade per sottolineare il pessimo Odg presentato a ottobre da Zacchera e per dire che, in realtà, le cose serie non le fanno mai. Non credo, inoltre, che ci sarà mai ciò che io gli chiedo oggi.

@marco: Grazie Marco, giusto soprattutto in tempi di crisi economica come quella attuale.

Antonina Cascio ha detto...

Eugenio, la mia era pura e sottile ironia di emigrata nel latinoamerica che sà che mai in vita sua si avverrebbe una cosa così¡Purtroppo...
Antonina

Antonina Cascio ha detto...

Eugenio, la mia era pura e sottile ironia di emigrata nel latinoamerica che sà che mai in vita sua si avverrebbe una cosa così¡Purtroppo...
Antonina

Claudia Antonini ha detto...

Mentre le elezioni dei Comites vengo rimandate, nella circoscrizione di Porto Alegre, in Brasile, segue alla presidenza del COMITES Adriano Bonaspetti. Il presidente è reo in un processo in corso per suo coinvolgimento nella milionaria frode dei francobolli - tra l'altro usati in campagna elettorale - ai danni dello stato brasiliano. Bravo Zacchera! Porto Alegre e tutti gl'italiani all'estero ti ringraziano!

Claudia Antonini ha detto...

Chi vuole seguire il processo lo trova sull'internet nel sito www.tj.rs.gov.br in acompanhamento processual al nº 001.10702569333.