lunedì 14 maggio 2007

Tutti a costruire, poi si decide se abitare

La riunione di segreteria di sabato scorso a Wolfsburg è anadata molto bene: discussione lunga, appassionata e concreta.
Si partiva dalle preoccupazioni di merito affrontate nei congressi. Una volta chiusa quella fase, però, oggi sono tutti convinti che si debba andare avanti in maniera unitaria sulla strada del Partito Democratico e che tutti devono mobilitarsi per portare in questo "partito nuovo" la migliore tradizione ed esperienza della Sinistra. Lo ha detto nella sua introduzione ai lavori Silvestro Gurrieri (Segretario DS Wolfsburg-Hannover) e lo ha argomentato nella sua relazione di apertura il segretario dei DS Germania Michele Santoriello.
Nonostante più di qualcuno abbia espresso comprensibili dubbi e perplessità nella fase di costruzione di un nuovo soggetto politico, da Wolfsburg è emerso chiaro il messaggio che la strada da intraprendere è senza ombra di dubbio quella del Partito democratico.

E' emersa la necessità di mobilitarsi da subito per dare il via ai comitati per la formazione del nuovo partito, secondo le tappe previste per i prossimi mesi:
  • nascita del “comitato dei Trenta”, al quale è affidato l’incarico di scrivere le regole per la costituente;

  • elezioni della costituente stessa;

  • primo congresso del PD.

L'ho già detto a Wolfsburg, e ne sono pienamente convinto, che è di fondamentale importanza che a questo cammino partecipino anche e soprattutto quei compagni che hanno dei dubbi sul PD e che hanno a cuore le questioni della laicità dello Stato e la collocazione internazionale. Questi compagni devono starci perché devono contribuire a far pesare questi temi e perché hanno i rapporti più stretti e organici con l’SPD e con il PSE. Proprio loro potranno portare un valore aggiunto nel nuovo partito, dove dovranno essere i punti di riferimento, sul territorio, per quanto riguarda i legami fra il PD, l’SPD e il Partito Socialista Europeo.

La segreteria si è conclusa con la decisione di avviare da subito, e in maniera molto partecipata, la costituzione dei comitati promotori del PD, in modo che ognuno possa portare il proprio contributo di idee, valori, tradizioni e speranze dentro questa grande casa ancora in costruzione. E' questo, infatti, il momento in cui occorre essere più compatti e far sentire la propria voce su come si vuole la casa: dopo che sarà fatta, ognuno deciderà se ha realizzato le aspettative oppure no, se si vuole entrare o andare altrove.

14 commenti:

stregazelda ha detto...

questa tua analisi mi pare convincente: provare comunque a costruire la casa e poi, vedendo come è venuta, decidere se abitarci. Ti confesso che per ora faccio fatica a pensare di doverci abitare, la avverto più come una necessità, un prendere una medicina, una cosa che si deve fare per forza perché dalla vecchia sono stata sfrattata. La nuova casa è un'incognita (sarà spaziosa? sarà luminosa? incontrerà le mie aspettative?)

Eugenio ha detto...

Già, siamo di fronte a una serie di incognite, come in ogni cambiamento importante della vita, della storia e del partito. Il problema è che questo nostro partito si trova troppo spesso difronte a cambiamenti importanti. La mia paura, però, oggi è data dal fatto che ultimamente i vari passaggi politici li viviamo con troppa paura di prendere decisioni e posizioni nette e chiare. Una pecca che disorienta il nostro elettorato, che invece vorrebbe da noi indicazioni sicure.

dioniso ha detto...

La nostra di riunione si terra' domenica. Pur avendo votato la mozione Angius-Zani al congresso di Haltern am See mi trovo d'accordo con il contenuto di questo pezzo.

Un saluto.

Eugenio ha detto...

@dioniso: Spero che la vostra riunione andrà bene e che possa essere un ulteriore valido contributo al percorso verso il PD. Mi fa inoltre piacere trovarti d'accordo con me e venire a conoscenza del tuo blog: ho notato che abbiamo molte passioni comuni, sia tra le letture che i film e la musica. Addirittura ho visto che ti piace Daniele Sepe, che io non ho tra i preferiti, ma che amo molto. Ti ringrazio anche di avermi inserito tra i tuoi link.

dioniso ha detto...

Prego.

Spero solo che con il PD non si ceda alle tentazioni clericali che ormai imperversano su quasi tutti i fronti della politica italiana. Se dovessi accorgermi di un allontanamento troppo marcato dai valori laici penso che non potrei far altro che allontanarmi dal PD.

Sì ho notato che abbiamo diversi interessi in comune.
Su Daniele Sepe ho scritto qualcosa qui.

Eugenio ha detto...

Ho appena visto il post su Frank Zappa e Daniele Sepe.
Frank Zappa non lo conosco per niente, ma ho ascoltato con piacere il pezzo in italiano linkato su Youtube.
P.S. Mi spieghi come fai a inserire nel tuo nome il link al sito e la foto con il link nel post?

dioniso ha detto...

Il link sul mio nome e la foto venogno aggiunti automaticamente da blogspot. Credo che a te non funzioni perché non hai inserito una foto nel tuo profilo.
Il link al post lo ottengo usando l'html. Se vuoi che "queste tre parole" abbiano un link devi scrivere:

(uso "maggiore" e "minore" per indicare i simboli < e >, altrimenti verrebbero convertiti)

"maggiore" a href="http://tuolink" "minore" queste tre parole "maggiore" /a "minore"

.... non so se sono riuscito a spiegarmi

dioniso ha detto...

... scusa mi sono accorto che ho invertito maggiore con minore: devi invertirli

Eugenio Marino ha detto...

Allora provo a creare un link: ds italiani all'estero

Eugenio ha detto...

Altra prova link

Eugenio ha detto...

Caro Flavio, ti ringrazio. Ho imparato un altro utile comando. Ciao

dioniso ha detto...

Ganz genau ;-)
Preferirei che mi chiamassi dioniso sul blog.
Un saluto

Eugenio Marino ha detto...

Scusami, Dioniso, farollo.

Eugenio Marino ha detto...

Scusami, Dioniso, farollo.